Oratorio San Nicola da Tolentino

Due colonne ai lati a sorreggere un timpano, l’ingresso sormontato da una lapide. Avvicinandosi però si accorgerà che in realtà l’ingresso risulta murato, che le basi delle colonne servono più che altro come posteggio di biciclette e che dietro alla facciata settecentesca in realtà c’è una civile abitazione.

Nessuna targhetta, nessuna indicazione per spiegare che si tratta della parte frontale, l’unica rimasta, dell’oratorio di San Nicola da Tolentino a Rimini. Di questo oratorio si hanno poche e frammentarie informazioni. Possiamo supporre che fosse frequentato prevalentemente dagli umili artigiani che abitavano questa parte della città.

Il Tonini, nella sua “Storia di Rimini” ci dice che l’oratorio era retto dalla Confraternita di San Nicola da Tolentino, della quale si ha ricordo fin dal 1619.