Teatro Ronci a Morciano

Tra i teatri storici della Valconca quello di più recente fondazione è il Teatro Condominiale di Morciano, successivamente intitolato a Michele e Ubaldo Ronci (padre e figlio, furono eroi nazionali del Risorgimento, morirono combattendo gli Austriaci nel 1849). 

Nel 1902 un’associazione di privati cittadini ottiene dal Comune l’area su cui si impegna ad erigere un nuovo teatro, adeguato al decoro della comunità, concedendo in cambio l’uso del palco d’onore e la facoltà di utilizzare il teatro in occasione di eventi di pubblico interesse, quali premiazioni, conferenze, commemorazioni ecc. 
Il progetto venne affidato a Giuseppe Attilio Balducci, architetto e ingegnere che, laureato a Bologna, era operativo tra gli altri a Morciano, Fano e Forlì.
Nel Capodanno 1906 vi fu una prima apertura, l’inaugurazione ebbe luogo nel 1907 per la Fiera di San Gregorio con la messa in scena del dramma risorgimentale Vecchi eroi di Augusto Novelli. Tra gli attori figurava anche Riccardo Renzi padre di Pina, futura attrice di successo. Per l’occasione le scene furono realizzate dallo scenografo Rufo Reffi. 

Posto nel centro storico del paese il teatro è un edificio autonomo, di gusto classicheggiante, la cui facciata tripartita presenta un corpo centrale leggermente aggettante con ampio ingresso al piano terra, cui si affiancano altre due aperture nei corpi laterali. Il registro superiore si caratterizza per una trifora fiancheggiata da nicchie nella parte centrale.